Il tempo accelera

Il tempo accelera, proprio come ci aspettavamo! Abbiamo terminato la prima trance delle prove del Varietà degli anni 20 del terzo Millennio con Isabelle François, l’esplosiva regista francese che ha messo in riga i Balacaval. Nel frattempo è stato montato e collaudato il parquet di otto metri per otto da circa 30 bambini saltellanti ospiti del Parco del Po. Ha tenuto. Il bar è quasi pronto, Paolo “Baladin” ci ha montato la spillatrice per le birre, mentre Isabelle e Sev hanno aggiunto delle decorazioni, cucito tende e foderato materassi.

Il parco cavalli è al completo, con Repke, Bibi (che ci ha prestato Sandro B.), e l’acquisto di Bianchin e Dudi. Ora sono nel recinto nel sottobosco e mangiano fieno di erba medica che il nostro vicino Guido, ci ha portato con il trattore. Betta e Diego si sono scatenati sulle rifiniture dei carri e su svariate verniciature.

La sera arrivano parenti, amici e vicini a rifornirci di insalate, vini, fragole, bicchieri e stoviglie, uova, limoni e batterie per il patelavache (il recinto elettrico dei cavalli) e sempre più spesso si fermano dei curiosi per vedere le carrozze da vicino: automobilisti, camionisti, pescatori, ciclisti, cavalieri, famigliole, escursionisti, pastori, sindaci e giornalisti. È il mondo variegato che avevamo voglia di incontrare con questo viaggio. E non siamo ancora partiti… ma forse un po’ sì.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...