Bialering

Sono giornate freschissime che ci fanno vedere il Monviso e il massiccio del Monte Rosa come se potessimo toccarli allungando le mani dal carro e sembra ormai lontana l’attività di “bialering” nel caldo afoso dell’estate. Eppure l’ultimo bagno nella bialera risale ad appena quattro giorni fa. Eravamo in cascina da Franco e il Pellice era completamente secco; allora abbiamo scelto una bialera limpidissima, con acqua gelida che veniva da sotto terra e all’inizio sembrava impossibile potersi bagnare: dopo dieci secondi i piedi facevano male. Poi è arrivata Emily, la cugina di Claire (sangue normanno) e ci si è coricata dentro. A poco a poco noi, rassicurati e un po’ invidiosi, ci siamo buttati, ognuno a suo modo: Peyre di getto, senza esitazioni una volta presa la dura decisione, io dopo essermi gradualmente bagnata gambe e braccia e Stefano all’ultimo, anche lui dopo un momento di preparazione. Tutti urlando inebriati. Il “bialering” ci mancherà. Ci siamo immaginati quella piana nel pieno dell’inverno, di colore bianco e marrone e quella bialera che se fosse piena probabilmente avrebbe la stessa temperatura.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...