Spazi vuoti e un ospite sconosciuto

Terminati i due giorni di sosta e spettacoli alla sagra del Fuiot a San Secondo di Pinerolo sapevamo solo che saremmo andati in direzione di Carmagnola in due giorni di viaggio, con l’incognita di dove fermarci per la notte.
Ogni tanto un po’ di vuoto organizzativo ci sta, bello lasciare un po’ di spazio aperto. Soprattutto in questi giorni senza afa, con una luce che sembra provenzale, con l’aria sottile e le linee dei monti che non sono mai state così nette.

Mentre attaccavamo i cavalli alle carrozze messe in fila sulla Piazza del Municipio, è arrivato Marco, che gestisce bar gelateria sulla piazza, a salutarci. E’ stato lui a chiamare un suo amico, Luca, che vive nei pressi di Vigone, e a raggiungerci dopo tre ore di viaggio e accompagnarci nell’ultimo tratto che porta alla sua cascina. Luca non era a casa e non ci sarebbe tornato per i prossimi quattro giorni, ma al telefono ci ha spiegato dove metterci e dove prendere l’acqua. Siamo entrati nel suo cortile e abbiamo fatto la doccia con la gomma per bagnare i fiori. Abbiamo visto la stalla dove alloggia il suo stallone spagnolo che ora e’ in viaggio con lui. “Con i cavalli ci si da sempre una mano” – mi ha detto al telefono. Il silenzio di quel cortile vuoto mi ha fatto pensare a Ferro 3, uno dei film più poetici che abbia mai visto, dove il protagonista vive nelle case degli altri come se fosse a casa sua, godendosi vasche idromassaggio e divani, riparando con cura orologi a muro e altri oggetti della casa, e lavando i pavimenti quando necessario, per poi sparire all’arrivo dei proprietari.

20110921-110058.jpg

Poco distante abbiamo scoperto che alloggia Varenne, il cavallo più volte campione del mondo di trotto. Io per la verità non l’ho mai sentito nominare, ma pare che sia una di quelle cose da sapere, che fanno cultura generale. Così tutti i Balacaval sono partiti in pellegrinaggio al gigantesco allevamento di cavalli. Ci siamo infilati nel viale enorme, siamo passati sotto l’arco di ingresso del grande cascinale e voltato a destra abbiamo cercato gli uffici. A parte i numerosi cavalli liberi nei recinti lungo il viale, non abbiamo incontrato anima viva. Abbiamo proseguito a caso e siamo finiti dritti nel centro inseminazioni ed ecco sulla sinistra un box circondato di telecamere, con tante targhette con onoreficenze, auguri di compleanno, una coccarda con i colori dell’Italia, e lui, Varenne, nella sua veste di riproduttore, con un’aria bonacciona. Una fialetta con il suo seme oggi vale 15.000 euro! L’abbiamo salutato con qualche carezza e credendo ormai di essere rimasti da soli in un mondo popolato da cavalli siamo tornati ai carri a goderci un tramonto più limpido che mai.

Annunci

2 risposte a “Spazi vuoti e un ospite sconosciuto

  1. Bella la foto! Altro che Ferro3, niente idromassaggio! A iera mac na guma!!!!
    hahahahaha Ciao e a presto!
    P.S. Io e Candelero siamo tornati ed è andato tutto bene!

  2. ahahahaa, è vero, in effetti una versione piemontese di Ferro 3!!!
    Dai, vieni a trovarci stasera o domani alla festa finale, così ci conosciamo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...