Passaggio nel canavese

1 luglio. Il nostro viaggio nel canavese prosegue. Abbiamo fatto tappa a Lusigliè, dove un’associazione di giovani del paese e dei dintorni chiamata “Lusi C’è”, ha colto al volo il nostro passaggio in direzione di Pont Canavese per organizzare una bella festa nel cortile dei campi sportivi. Lasciato il locus amenus del lago La Sorgente di San Benigno e la bella spiaggia sul fiume Orco, abbiamo quindi abitato per due giorni il piccolo spiazzo di asfalto di fianco ad all’incrocio sulla provinciale; qui un viavai di ragazzi e di curiosi ha apprezzato il nostro bar “da Mauri” al punto che siamo rimasti senza birre per la tappa successiva (questi canavesi non smettono di stupirci in quanto a passione per la festa e la sbalorda…).

Questo slideshow richiede JavaScript.


Il giorno seguente siamo partiti per il Vole, un bed & breakfast che si trova nella frazione di San Giovanni dei boschi di Castellamonte. La giovane proprietaria, Adriana, aveva risposto qualche mese fa via web al nostro annuncio offrendoci una sede per la residenza artistica pre partenza in aprile, ma era troppo lontana dalla nostra base nel cuneese per accettare. Quando poi abbiamo visto che il percorso passava nella sua zona, tra l’altro molto bella, abbiamo organizzato una due giorni in perfetto stile babacool! Una bella radura alla base della collina dove si affacciano vecchi cascinali, posto perfetto per fare un bel campeggio libero, con poltrone nel prato, grandi tavolate all’ombra degli alberi, falò, pentoloni sul fuoco, cous cous, salsiccie e naturalmente la musica! E anche un’occasione per rivedere molti amici del torinese e delle valli vicine. Abbiamo finalmente avuto il primo gruppo ospite di quest’anno, Capitan Tifus, dall’Argentina. Anche loro, come noi, viaggiano cinque sei mesi l’anno, ma in giro per l’Europa (e non solo) coprendo distanze da brivido con il loro furgone! della serie “stasera a Barcellona, domani a Torino!” Vicky, la cantante, dice che questi ritmi mantengono alta l’energia del gruppo! Una bella carica di energia in effetti ci è arrivata e il loro entusiasmo li ha portati a fare la tappa successiva con noi (e a farmi pensare di fare un giro in Argentina prima o poi!). Da dove venite? Alla domanda che ci sentiamo fare tutti i giorni dagli automobilisti e dai passanti, la risposta per un giorno era “Dalla pampa!”. La loro presenza ci ha consolati un po’, dato che al Vole abbiamo anche salutato Iro e Anouk e i loro cavalli Basil e Peddy, dopo due mesi di viaggio insieme. È venuto per loro il momento di partire per la Francia, mentre noi stiamo per cominciare la collaborazione con la Chambra d’Oc su un progetto della Provincia di Torino sulle minoranze linguistiche che coinvolgerà la Valle Orco e La Valle Susa per i prossimi due mesi. Per questo abbiamo messo a punto un nuovo spettacolo intitolato “La Carovana vai amont” (La carovana sale) musiche, storie, canti delle minoranze occitana, francoprovenzale e francese, che vedrà la collaborazione di Flavio Giacchero, musicista, studioso di musica tradizionale e amico. Insomma, stiamo entrando nel terzo capitolo del nostro viaggio, sarà un periodo molto serrato di spettacoli e brevi viaggi tra i paesi della Valle di Susa, ne saprete di più a breve…

20130710-111457.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...